Alternativ@Mente - a cura di Enrico Del Vescovo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Analisi e Opinioni

Comunicato scuola per la mobilitazione del 7 luglio.

E-mail Stampa PDF

lotta.jpg Riceviamo e volentieri pubblichiamo: Comunicato per la mobilitazione del 7 luglio.

I lavoratori e le lavoratrici autoconvocati della scuola di Roma continuano a mobilitarsi contro il ddl scuola. Il movimento della scuola in queste settimane ha dimostrato all'opinione pubblica gli inganni del governo Renzi sulla sua proposta di riforma della scuola. L'opinione pubblica è stata bombardata dalla retorica delle assunzioni e dall'urgenza dell'approvazione del disegno di legge per poter procedere a stabilizzare i precari, come richiesto dalla sentenza della Corte di Giustizia europea. In realtà nel maxi emendamento approvato al Senato le assunzioni promesse sono solo simboliche, saranno effettuate cioè solo sotto il profilo giuridico, mentre dal punto di vista economico e sostanziale i precari saranno assunti a partire dall'anno scolastico 2016/17. Le assunzioni che si faranno effettivamente dal prossimo settembre saranno solo quelle già previste dalla normativa vigente, circa la metà di quelle promesse, ancora meno di quelle dovute, per sostituire i colleghi che sono andati in pensione.

Leggi tutto...

Referendum in Grecia: le ragioni del No. E se si votasse anche in italia?

E-mail Stampa PDF

referendum.jpg Diffondiamo l'articolo di: Andrea Baranes, Raffaella Bolini, Luciana Castellina, Sergio Cofferati, Stefano Fassina, Nicola Fratoianni, Curzio Maltese, Simone Oggionni, Moni Ovadia, Mapi Pizzolante, Rosario Rappa, Marco Revelli, Claudio Riccio

Se a Laio, re di Tebe, l’oracolo di Delfi non avesse predetto che in un futuro prossimo sarebbe stato ucciso dal primogenito, il quale avrebbe poi sposato la propria moglie Giocasta, il giovane Edipo non sarebbe mai stato adottato dal re di Corinto, mai ne sarebbe fuggito, mai avrebbe ucciso Laio, ignaro fosse suo padre, e mai avrebbe sposato Giocasta, ignaro fosse sua madre.

In questi giorni, più che in ogni altro momento della loro storia, le Istituzioni che compongono la Troika provano ad affidare il destino della Grecia e dell’Europa ad una profezia simile a quella di Sofocle, capace di auto-avverarsi per il solo fatto che ognuno, assalito dall’istinto di sopravvivenza e dalla paura, potrebbe credervi.

Nascono da questa intenzione due equivoci ampiamente smentiti dai fatti: il primo vorrebbe un popolo egoista, che vive di tutele ingiuste a scapito degli altri Stati. Il secondo, addirittura, vorrebbe la Grecia intenzionata a non onorare il debito e ad abbandonare l’Euro attraverso il voto del prossimo 5 luglio.

Leggi tutto...

Siria come Sangue: mai più!

E-mail Stampa PDF

guerrafacile.jpg di Enrico Del Vescovo

Sono moltissime le guerre dimenticate nel mondo. Per la Siria, invece, sembra che i riflettori della stampa mondiale siano più o meno presenti ma, nonostante la tragedia a cui assistiamo giorno per giorno, pare che a livello internazionale non si muova foglia e che il vortice di sangue continui a scorrere in modo inarrestabile  senza che sia possibile porvi barriera alcuna. E’ evidente come gli equilibri internazionali siano tali da paralizzare qualunque sviluppo della guerra sia in un senso che nell’altro.

Leggi tutto...

Dove c'è la nostra pasta non "c'è più casa"

E-mail Stampa PDF

spesa.gifRiceviamo e pubblichiamo.

di Giuliana Icardi

La Barilla non è più italiana ma americana e usa grano con tassi di micotossine altissimi (ammuffito), derivante da lunghi stoccaggi al prezzo più basso possibile. L'UE nel 2006 ha alzato con un colpo di mano i livelli accettati di micotossine presenti nel grano duro, di modo che tanti paesi potranno produrre grano duro in climi non adatti badando solo alla quantità, distruggendo i contadini del sud Italia il cui grano non contiene micotossine e portando al fallimento le industrie sementiere mediterranee.

Leggi tutto...

Tagliare la spesa per i cacciabombardieri si può.

E-mail Stampa PDF

cacciabombardieri.jpgdi Francesco Vignarca

“Non credo proprio che sarà così” pare abbia detto il neo ministro della Difesa, l’ammiraglio Giampaolo Di Paola, a chi gli chiedeva se i “sacrifici” imposti dal Governo avrebbero riguardato anche le spese militari. “La crisi non fa venire meno funzioni fondamentali come la Difesa”. E i pacifisti potranno pure avere il diritto di esprimere la propria opinione ma “che sia corretta è da vedere” ha concluso il ministro. Su questo tema il caso emblematico è quello dei cacciabombardieri d’attacco Joint Strike Fighter F-35, il programma militare più costoso della storia guidato dagli Stati Uniti in compartecipazione con altri 8 Paesi tra cui l’Italia (che è partner di “secondo livello” come la Gran Bretagna).

Leggi tutto...

Alcune domande a Mario Monti

E-mail Stampa PDF

protest.gifdi Enrico Del Vescovo

Per fortuna che è stata la Fornero a mettersi a piangere per la nuova manovra finanziaria. Pensate voi cosa sarebbe potuto accadere se fosse stato Mario Monti in persona a mettersi a piangere. La cosa sarebbe apparsa talmente surreale da scatenare il panico sui mercati e chissà fin dove sarebbe volato il famigerato spread!  Forse la neoministra Fornero desiderava anticipare il pianto dei cittadini, cercando di interpretare il loro stato d’animo, esprimendo un gesto di solidarietà. Peccato, però, che tale gesto si sia rivelato tanto goffo ed improbabile quanto ridicolo, forzato e, possiamo dire, ipocrita. In verità tutti noi cittadini ci aspettavamo nuovi importanti sacrifici da sopportare per affrontare una situazione diventata ormai critica. Una situazione determinata da almeno una generazione di scelte sbagliate, da una classe politica ottusa ed egoista, dai diktat dell’Europa e da una globalizzazione voluta storicamente proprio da noi occidentali attraverso gli organismi internazionali che contano (FMI, banca mondiale, wto ecc.)

Leggi tutto...

La morte di Gheddafi: regia statunitense, mano francese e boia ascari.

E-mail Stampa PDF

italia-libia.gif Riceviamo e pubblichiamo dalla rivista Indipendenza.

Muammar Gheddafi vivo sarebbe stato "una vera bomba atomica". Parole di un colonnello del Pentagono che lo scorso 19 ottobre informava le autorità francesi della localizzazione di Gheddafi a Sirte. Secondo il periodico francese Le Canard Enchainé, Barack Obama avrebbe convenuto con il suo omologo francese, Nicolas Sarkozy, della necessità di assassinarlo. Si temeva anche la sua capacità di guida nell'organizzare una forte resistenza popolare antimperialista non solo libica, ma anche in diversi paesi africani.

Leggi tutto...

Lo chiamano "legittimo impedimento"

E-mail Stampa PDF

CostituzioneRiceviamo e volentieri pubblichiamo

di Severiano Maria Moiso

« Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. »

Leggi tutto...

Controdiscorso, Obama ti contesto

E-mail Stampa PDF

Guerra riceviamo e pubblichiamo di Nella Ginatempo

Col discorso pronunciato a Oslo, nel ritirare il premio Nobel per la pace, il presidente Barack Obama ha simbolicamente distrutto la causa della pace nel mondo. Se avesse semplicemente rifiutato il premio con la motivazione che la guerra è necessaria, a suo parere, per la sicurezza del suo paese, avrebbe, con grande onestà intellettuale, affermato di essere un Presidente di guerra e di essere costretto pertanto a rifiutare quella onorificenza che a suo tempo fu destinata ad un pacifista assoluto come Martin Luther King.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 4

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Registrazione del Tribunale di Velletri n.29 del 22/12/2006