Alternativ@Mente - a cura di Enrico Del Vescovo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ricordiamo Andrea Gallo.

don gallo.jpgRiceviamo e volentieri pubblichiamo.

GENOVA – Ieri un lungo applauso e le note di ‘Bella ciao’ hanno salutato il feretro di don Andrea Gallo mentre lasciava la chiesa di San Benedetto al Porto, per essere trasferito alla Chiesa del Carmine per il funerale, celebrato dall’arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco, e da don Luigi Ciotti. Ma proprio per il cardinale e presidente della Cei ci sono stati fischi dai presenti al corteo. Bagnasco è stato anche costretto ad interrompere l’omelia, quando dall’esterno della chiesa si è levato il canto di ‘Bella ciao‘, che ha coinvolto anche i presenti in chiesa che si sono messi ad applaudire. E’ intervenuta la segretaria di don Andrea, signora Lilli, per farli smettere: ”Così mancate di rispetto allo stesso Gallo. Lui ha sempre creduto nella Chiesa”. Bagnasco ha ripreso.

Leggi tutto...

India: l'industria locale potrà produrre il farmaco anti-cancro low-cost della Novartis

farmaci.jpgdi Enrico Del Vescovo.

Da parecchi anni ormai le industrie multinazionali farmaceutiche sono in causa con l'industria locale dei paesi del Sud del mondo per la questione dei brevetti. Un caso eclatante è senza dubbio quello che ha opposto la multinazionale svizzera Novartis contro una industria locale in India. L'ANSA riporta oggi la notizia che la Corte Suprema  indiana ha respinto il ricorso dell'industria farmaceutica svizzera relativo al brevetto del  farmaco anti tumore. I giudici hanno deciso che l'industria locale ha il diritto di produrre il medicinale Glivec come farmaco  a basso costo in nome del diritto alla salute della popolazione.

 

Leggi tutto...

La sentenza della Corte di Cassazione su Ustica: è stato un missile, non un cedimento interno.

alitalia.gif Su Ustica c'è una verità. La strage avvenne a causa di un missile e non di una esplosione interna al Dc9 Itavia. Lo dice la Corte di Cassazione che, in sede civile, ha confermato la sentenza del tribunale di Palermo con la quale lo Stato viene condannato a risarcire i parenti delle vittime della strage di Ustica.Trentatre anni fa, infatti, a bordo di quell'aereo c'erano 81 persone che sono morte. Stando ai giudici oggi lo Stato deve risarcire i familiari delle vittime per "non aver garantito, con sufficienti controlli dei radar civili e militari, la sicurezza dei cieli". E' la prima verità su Ustica dopo il niente di fatto dei processi penali. Proprio qui si legge: "È abbondantemente e congruamente motivata la tesi del missile" accolta dalla Corte di Appello di Palermo a fondamento delle prime richieste risarcitorie contro lo Stato presentate dai familiari di tre vittime della strage di Ustica.

Leggi tutto...

Doha: chiusa la conferenza sul clima. Fairwatch: "Un gap dopo l'altro per colpa dei grandi inquinatori"

global-warning.jpgMonica Di Sisto,  Vice presidente di FairWatch, Commercio Equo, Sostenibilità, Comunicazione. 

Doha, 8 dicembre 2012 - Un futuro incerto e pericoloso: è quanto attende il mondo dopo la Chiusura della Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima a Doha, che ha salvato - conquista importante e non scontata della società civile -  l'involucro del Protocollo di Kyoto, senza fissare però tagli misurabili alle emissioni globali, e spostando al 2014 una revisione degli obiettivi. Ma, ricorda l'Osservatorio italiano su Clima e Commercio Tradewatch, che ha seguito in Qatar la Conferenza come membro osservatore, il 2015 viene indicato dalla comunità scientifica come il punto di non ritorno.

Leggi tutto...

Lo sciopero della fame dei malati di SLA contro il governo Monti.

sla.jpgdi Francesca Lozito

In Italia i malati di sclerosi laterale amiotrofica sono circa cinquemila. Una sessantina di loro sono stati in sciopero della fame.  Tra le richieste, il ripristino del fondo per la non autosufficienza per un importo non inferiore ai 600 milioni. Alberto Damilano è medico. Piemontese, di Fossano in provincia di Cuneo. Ha 57 anni e da tre convive con la sla, la sclerosi laterale amiotrofica. Questa malattia, detta del motoneurone, perché è proprio il suo “impazzimento” a causarla, non è guaribile.

Leggi tutto...

Siria come Sangue: mai più!

guerrafacile.jpg di Enrico Del Vescovo

Sono moltissime le guerre dimenticate nel mondo. Per la Siria, invece, sembra che i riflettori della stampa mondiale siano più o meno presenti ma, nonostante la tragedia a cui assistiamo giorno per giorno, pare che a livello internazionale non si muova foglia e che il vortice di sangue continui a scorrere in modo inarrestabile  senza che sia possibile porvi barriera alcuna. E’ evidente come gli equilibri internazionali siano tali da paralizzare qualunque sviluppo della guerra sia in un senso che nell’altro.

Leggi tutto...

La corsa all'oro nel far west dell'economia moderna.

oro.jpgRiceviamo e volentieri pubblichiamo.

di Paolo Pellicciari 

La “Corsa all'Oro” è similare con “l'Oro alla Patria”. “L'Oro alla Patria” è stato uno “slogan” coniato durante il fascismo. Le condizioni economiche dell'Italia richiedettero un intervento straordinario, tanto che si decise di ricorrere alla richiesta di oro ai cittadini. Così si organizzo' per il 18 dicembre del 1935, una manifestazione nazionale voluta dal regime fascista. Il regime chiamò gli italiani a dare l'oro alla Patria.

Leggi tutto...

Il rogo di Karachi ( Pakistan): 300 lavoratori morti e nessuno ne ha parlato.

cosa-rossa.jpgRiceviamo e volentieri pubblichiamo.

di Debora Lucchetti

Senza trasparenza, nessuna giustizia per la vittime del rogo di Karachi L'11 settembre scorso: quasi 300 lavoratori morirono per l'incendio di una fabbrica tessile in Pakistan, la Ali Enterprises. Solo un mese prima l'impresa aveva ottenuto la "prestigiosa" SA8000: l'ente italiano Rina "certificava" la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. A un mese dalla tragedia, però, non si è fatta luce sulla vicenda né sono stati resi pubblici i nomi dei fornitori.

Leggi tutto...

Referendum regionale abrogazione del vitalizio per gli assessori e consiglieri della regione Lazio.

legati.jpgSabato 1 settembre a Piazza S. Pietro a Frascati, ore 16-20, la raccolta firme per il referendum che intende abrogare un privilegio inaccettabile (si può firmare anche nei comuni): 85 tra consiglieri e assessori attualmente in carica percepiranno a fine legislatura 4˙400 euro lordi al mese, per un totale di 4,5 milioni di euro l’anno. Se calcoliamo che andranno in pensione al compimento dei 50 anni e stimando una vita media di 84 anni, per loro la Regione Lazio spenderà un totale di 153 milioni di euro. La Federazione della Sinistra ( Rifondazione Comunista + Comunisti italiani) ha promosso un referendum abrogrativo dei vitalizi che permetterebbe di reinvestire questi soldi pubblici a favore dei cittadini. Con 50˙000 firme i cittadini del Lazio possono indire questo referendum.

Leggi tutto...

Il TAR del Lazio condanna il ministero della salute e dell'ambiente a risarcire i cittadini avvelenati dall'arsenico.

acqua22.jpgRiceviamo e volentieri pubblichiamo.

E' partito il nuovo megaricorso per la richiesta del risarcimento del danno a  favore di circa un milione di utenti che ancora bevobno acqua avvelenata. Ma è necessario agire subito, entro il 31 agosto - leggi in fondo all'articolo. La clamorosa sentenza del TAR del Lazio, numero 664 del 2012, condanna i Ministeri della Salute e dell'Ambiente a risarcire gli utenti dell’acqua di varie regioni (Lazio, Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia, Umbria) con 100 euro a cittadino.

 

Leggi tutto...

Comunicato CAE: Aiab e Coop 29 giugno sgomberano la città dell'altra economia

altraeconomia150.jpgRiceviamo e volentieri pubblichiamo.

Questa mattina alle ore 6 le forze dell'ordine hanno compiuto un blitz entrando di forza nei locali della CAE, presidiata da giorni da cittadini e cittadine, attivisti, rappresentanti di organizzazioni sociali, sindacati e associazioni  che lavorano da oltre un anno e mezzo per ridare nuova vita alla Citta' dell'Altra Economia. Questa azione avviene all'indomani di un incontro tra gli occupanti e tre rappresentanti della cordata vincitrice del bando: Salvatore Buzzi della coop. 29 giugno, Enrico Erba e Andrea Ferrante dell'AIAB. L'incontro era stato favorito dal consigliere Andrea Alzetta ed era volto a iniziare un percorso di dialogo con gli occupanti.

Leggi tutto...

La lettera di Peacelink ai sindacati sull'ILVA.

decrescita.jpgPubblichiamo la lettera di Peacelink rivolta ai sindacati confederali il 3 Agosto 2012.

La perizia epidemiologica consegnata al gip Patrizia Todisco parla di 386 morti in 13 anni causati dall'inquinamento delle ciminiere (Foto Flickr: Gin Fizz). Ai segretari nazionali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti. Ai segretari nazionali dei sindacati metalmeccanici Fiom, Fim, Uilm, Maurizio Landini, Franco Bentivoglio e Rocco Palombella. Migliaia di lavoratori Ilva sono sfilati a Taranto ed è importante dire parole di verità.

Leggi tutto...

Pagina 3 di 26

Registrazione del Tribunale di Velletri n.29 del 22/12/2006