Alternativ@Mente - a cura di Enrico Del Vescovo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La morte di Gheddafi: regia statunitense, mano francese e boia ascari.

italia-libia.gif Riceviamo e pubblichiamo dalla rivista Indipendenza.

Muammar Gheddafi vivo sarebbe stato "una vera bomba atomica". Parole di un colonnello del Pentagono che lo scorso 19 ottobre informava le autorità francesi della localizzazione di Gheddafi a Sirte. Secondo il periodico francese Le Canard Enchainé, Barack Obama avrebbe convenuto con il suo omologo francese, Nicolas Sarkozy, della necessità di assassinarlo. Si temeva anche la sua capacità di guida nell'organizzare una forte resistenza popolare antimperialista non solo libica, ma anche in diversi paesi africani.

Leggi tutto...

Riflessioni sulla tragedia delle quattro operaie morte a Barletta che lavoravano in nero!

cosa-rossa.jpgAd una settimana dal disastro di Barletta pubblichiamo le seguenti riflessioni.

Lunedì 3 ottobre, alle 12.30, una palazzina di tre piani in via Roma, a Barletta, si accartoccia su se stessa e crolla. Nel sotterraneo, un laboratorio tessile, dove lavoravano in nero per 3,95 euro l’ora 12 operaie a confezionare capi d’abbigliamento. Dalle macerie vengono salvate 8 operaie, ma 4 di loro vengono estratte morte insieme alla figlia quattordicenne dei proprietari del laboratorio che stava entrando nella palazzina al momento del crollo. E’ l’ennesima tragedia annunciata, un assassinio annunciato!

Leggi tutto...

La ribellione in America contro Wall Street.

indignados americani.jpgLa rabbia degli indignados arriva in Usa, 700 arresti a New York. Centinaia di fermi per un sit-in pacifico. A New York gli “indignados” Usa protestano da settimane contro lo strapotere della finanza. Manifestazioni anche a Boston. Si allarga la protesta degli “indignados” in Usa contro le banche, Wall Street e la “dittatura della finanza”. La città più “calda” è New York dove la polizia sabato ha arrestato 700 manifestanti (quasi tutti rilasciati ieri) che hanno tentato di bloccare il ponte di Brooklyn. I fermi sono scattati quando la manifestazione (partita dallo Zuccotti Park, nel cuore di Manhattan, occupato dagli indignados dal 17 settembre) è arrivata sul ponte simbolo della Grande Mela: i manifestanti hanno cercato di fermare la circolazione e circa 700 sono stati arrestati per “turbamento della quiete pubblica”.

Leggi tutto...

Cala la censura su internet?!

blog.gifIn occasione del dibattito sul comma 29 della legge sulle intercettazioni che ha provocato, tra l'altro, la sospensione temporanea di Wikipedia per sciopero di protesta, ricordiamo la notizia relativa al D.d.L 733.

"Il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d.L. 733) con un emendamento del senatore Gianpiero D'Alia (UDC), identificato dall'articolo 50-bis: "Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet"; la prossima settimana il testo approderà alla Camera come articolo n. 60. Da osservare che il senatore D'Alia non fa  neppure parte della maggioranza di Governo... Questa circostanza la direbbe lunga sulle verosimili intese trasversali su tale provvedimento di legge che ha l'aspetto del disegno liberticida a difesa della Casta. In pratica in base a questo emendamento potrebbe verificarsi che se un qualunque cittadino dovesse "invitare" attraverso un blog (o un profilo su facebook, o altro sulla rete) a disobbedire o ad istigare (cioè..  criticare..??!) contro una legge che ritiene ingiusta, i providers DOVRANNO bloccarne il blog o il sito.

Leggi tutto...

Nascerà lo stato Palestinese?

palestina889.jpg di Massimo Ragnedda

Dopo sessant’anni di guerre, di conflitti a bassa ed alta intensità, attentati, ripercussioni, rappresaglie, occupazioni militari, negoziati falliti, accordi disattesi, vedrà la luce uno stato palestinese? Un concreto passo avanti verrà mosso tra qualche giorno (il 23 settembre) da Abu Mazen quando chiederà per la Palestina lo status di «194° Stato membro delle Nazioni Unite», limitato dai confini del 4 giugno 1967 (compresi i territori occupati) e con Gerusalemme Est come capitale. Nascerà dunque finalmente uno stato palestinese? La richiesta che Abu Mazen presenterà a Ban Ki-moon da sola non basterà, anche se sono già 126 i Paesi che hanno riconosciuto la Palestina: sarebbero in tutto 140 pronti ad accettare la richiesta all’Assemblea Generale dell’Onu, dove occorre la maggioranza di due terzi per entrare come Stato osservatore. Tra questi non ci sarà l’Italia.

Leggi tutto...

ANNO ZERO di Michele Santoro forse torna grazie ad un network di reti locali

censura.jpgIl progetto televisivo di Santoro potrebbe coinvolgere anche Telenorba perché il giornalista sembra deciso a realizzare il suo Annozero a ogni costo e dopo la mancata intesa con Rai e La7 pensa ad un accordo che coinvolgerebbe un network di televisioni locali. L’idea, riportata in un articolo di Italia Oggi, è quella di una televisione indipendente che trasmettesse solo informazione, sulla scia dell’esperimento di «Tutti in piedi» che aveva fatto registrare risultati incoraggianti. Il progetto di Telesantoro prevederebbe un network di televisioni locali che mettendo a disposizione una delle frequenze liberate dal digitale terrestre creerebbero di fatto una copertura nazionale.

Leggi tutto...

Il governo regala le nuove frequenze televisive mentre il paese è chiamato a fare nuovi sacrifici

comunicazione.jpg Il governo regala le nuove frequenze tevisive proprio in coincidenza con la manovra fiinanziaria che impone nuovi tagli e sacrifici per il paese. Giordano Adiconsum: due pesi e due misure a rimetterci è sempre il consumatore. La digitalizzazione delle frequenze televisive permette di ottenere un avanzo di frequenze da destinare alle aziende di telefonia e a nuovi editori televisivi. In questi giorni si parla molto di aste delle frequenze televisive. Sono in corso due eventi particolari che modificheranno, speriamo in meglio, l’uso delle telecomunicazioni. Uno riguarda lo sviluppo della trasmissione dati in mobilità con il 4G, cioè la banda ultralarga con i cellulari, l’altro è riferito all’assegnazione di 6 frequenze ad altrettante emittenti televisive digitali.

 

Leggi tutto...

La rivolta degli emarginati nelle periferie inglesi

london-riots.jpgdi Claudio Lucia

Riportiamo la testimonianza di Claudio Lucia, un giovane italiano in Inghilterra alla ricerca di lavoro, il quale racconta a Frontiere News la sua esperienza di questi giorni nella periferia londinese, nel clima apocalittico e surreale dei “riots” della capitale britannica: "Ieri  è stato un pomeriggio solitario e non avendo nulla da fare mi sono recato in centro per scattare qualche foto (le prime, dopo tre settimane passate a cercare un lavoro). Afferro un Evening Standard – uno tra i più importanti e diffusi quotidiani gratuiti che vengono distribuiti nelle metro londinesi. Per strada chiunque ne ha una copia in mano.

Leggi tutto...

Piano casa: una nuova colata di cemento e niente alloggi popolari per le famiglie.

casa-roma66.jpgRiceviamo e pubblichiamo.

di Gualtiero Alunni

Devastante aggressione ai parchi, aree agricole e protette, coste e zone montuose sotto tutela integrale. Con l’approvazione della legge regionale definita “piano casa”, si darà il via libera nel Lazio a una colata di cemento pari a 50 milioni di mc; si perderanno 1.500 ettari di parchi, 500 ettari di aree agricole, oltre 3.000 ettari di aree attualmente destinate a verde e servizi. Si danneggeranno le aree pregiate del territorio, le città storiche, le attività agricole. Si autorizzeranno 6000 condoni.

Leggi tutto...

I segreti sulla casta di Montecitorio

moneyeuro.jpgSPIDER TRUMAN – I segreti sulla casta di Montecitorio: questo il nome di una pagina Facebook che, in poco più di un giorno, ha superato le 100.000 adesioni. I privilegi della casta politica rappresentano un argomento che sta molto a cuore agli italiani, uno dei principali motori di una sana indignazione che, fra tanta indifferenza e tanto lassismo, ancora sopravvive integra in molti di noi. Si parla dell’affitto di Palazzo Marini, delle agevolazioni incredibili dei deputati. E poi ancora dello stipendio stellare del funzionario parlamentare responsaibile dell’agenzia di viaggi di Montecitorio.

Leggi tutto...

Libia: denuncia da parte di Human Right Watch

civili-morti.jpgPubblichiamo la seguente notizia diffusa da Human Right Watch.

Bengasi, 13 lug. (TMNews) - I ribelli libici si sono resi responsabili di incendi, saccheggi e abusi su civili in occasione della loro offensiva su Tripoli da Djebel Nafusa, nell'ovest del paese: è l'accusa lanciata ieri da Human Right Watch, che ha affermato di essere stata "testimone" diretta di alcuni di questi atti. Secondo quanto riferito, tali violazioni sarebbero state compiute tra giugno e luglio, fino alla scorsa settimana. "In quattro villaggi conquistati dai ribelli tra i monti di Nafusa negli ultimi mesi, i combattenti ed i loro simpatizzanti hanno saccheggiato beni, dato alle fiamme abitazioni ed attività commerciali,

Leggi tutto...

Al teatro Valle occupato arriva anche il "Marco cavallo"

marcocavallo.jpgDomani "Marco Cavallo" arriva al teatro Valle Occupato. Il cavallo blu nato nel '73 in un reparto svuotato da Basaglia. (ANSA) – ROMA, 11 LUG – ‘Marco Cavallo, il grande cavallo blu di cartapesta simbolo della lotta contro tutti i manicomi e della liberazione dell’immaginario, arriverà domani sera al Teatro Valle a Roma. Ad annunciarlo i lavoratori dello spettacolo che dal 14 giugno scorso stanno occupando lo storico teatro romano. «Fabrizio Gifuni, Giuliano Scabia e Ambrogio Sparagna accompagneranno Marco Cavallo – si legge in un loro comunicato - per riaffermare la libertà e il diritto di esser parte vitale di una società che non escluda e rinchiuda, ma che accolga e metta in gioco le sue contraddizioni.

Leggi tutto...

Pagina 6 di 26

Registrazione del Tribunale di Velletri n.29 del 22/12/2006